5 ricette di vellutate per scaldare l’inverno

5 ricette di vellutate per scaldare l'inverno

Questo inverno sembra non voler passare mai, anzi… Febbraio ci sta rivelando il suo cuore di ghiaccio con temperature davvero basse…anche da voi è così? Qui nel milanese, per questo week end, prevedono addirittura l’arrivo della neve! La mattina abbandonare il piumone, operazione già di per se molto complicata, diventa sempre più difficile, e quando esco dall’ufficio non vedo l’ora di rintanarmi nel calduccio della mia casetta. 

Per cena, in questo periodo soprattutto ma comunque durante tutto l’inverno, spesso ho voglia di qualcosa che mi scaldi da dentro. E che sia veloce da preparare. Sembrerà strano, ma io e la ranocchietta amiamo le vellutate di verdure, e in questi anni ho sperimentato diverse combinazioni per farle apprezzare gli ortaggi in questa forma. Abbiamo iniziato le nostre sperimentazioni già durante lo svezzamento: dopo i primi 3 giorni di pappe a base di brodo, che non sono state per niente gradite, sono passata direttamente alle vellutate.

All’inizio le facevo con una sola verdura, aggiungendo al massimo un pezzettino di porro e lasciandole comunque molto liquide in modo che fossero una base perfetta per semolino o farine varie. Poi ho cominciato a fare qualche mix, passando anche ad una consistenza più cremosa, e abbiamo iniziato a condividere i pasti. Trovo che le vellutate siano un ottimo modo di cominciare il pranzo o la cena: una bella porzione di verdure sia per me che per lei. A volte per Caterina  faccio cuocere pasta o riso direttamente nella vellutata, e alla fine aggiungo del formaggio fresco: un piatto unico che risolve la cena e la sua poca voglia di stare a tavola!

Oggi vi propongo la nostra TOP 5: le 5 ricette di vellutate per scaldare l’inverno che amiamo di più!

Comincio col dirvi che di base seguo sempre lo stesso metodo: taglio le verdure a pezzi non troppo grossi, le peso e aggiungo acqua nello stesso quantitativo. Quindi se uso mezzo chilo di verdure, aggiungo mezzo litro d’acqua (salvo qualche eccezione ma lo specifico nella ricetta!).

Solitamente uso il Bimby per le vellutate: 20 minuti a 98°,  velocità 1, e poi frullo per un minuto partendo da velocità 4 fino ad arrivare alla velocità 8. Ovviamente si possono realizzare anche senza Bimby: mettete gli ingredienti in pentola e lasciate cuocere a fuoco moderato per 20 minuti, con il coperchio. A fine cottura frullate tutto con il frullatore ad immersione fino ad ottenere una consistenza, appunto, vellutata.

Ultima nota: per velocizzare ancora di più la preparazione della cena, spesso acquisto le verdure in grande quantità, le pulisco, le taglio e le metto in freezer in sacchetti appositi, già divise per ricetta. Le uso direttamente congelate, il tempo di cottura non varia ma in questo caso aggiungo meno acqua.

Ma ora…ecco le nostre ricette preferite!

5 ricette di vellutate per scaldare l'inverno (1)

1. ZUCCA E CAVOLFIORE

Vi vedo, state già scuotendo la testa in segno di disapprovazione. Il cavolfiore no, non riuscirete mai a farlo mangiare ai vostri bimbi. E forse non lo amate particolarmente neanche voi. Ma fidatevi e provatela. Questa vellutata, con la sua cremosità, vi farà cambiare idea! Caterina la adora, per lei è la cremina magica, addirittura a volte me la chiede lei stessa! Cosa vi serve?

300gr di zucca, io preferisco la mantovana che rimane bella cremosa
250gr di cavolfiore o broccolo romanesco
un porro

Seguite il procedimento di base e otterrete una vellutata dal sapore incredibilmente delicato, proprio una crema!

2. FINOCCHI, ZUCCHINE, SPINACI

Un’altra ricetta molto apprezzata è la vellutata di finocchi, zucchine e spinaci. Per questa le quantità sono molto più approssimative, l’unica accortezza che ho è di non abbondare troppo con gli spinaci. Ecco come prepararla!

2 finocchi
2 piccole zucchine (o una grande)
una manciata di spinaci freschi
1 porro

Anche per questa vellutata il procedimento è lo stesso, ma riduco un po’ la quantità di acqua per non farla diventare troppo liquida. Fate attenzione anche ai finocchi: se la parte esterna è troppo spessa e dura vi consiglio di scartarla, altrimenti rimarrebbero dei fastidiosi filamenti anche dopo aver frullato.

3. FINOCCHI E CAROTE

Un altro grande classico in casa nostra è la vellutata di finocchi e carote. L’ho provata per caso quando Caterina era piccola, in uno dei primi periodi in cui cominciava a fare storie per mangiare. È stata subito un successo, e da lì è diventata il mio asso nella manica! Il suo abbinamento preferito con questa vellutata era crema multi-cereale e omogeneizzato di agnello. Ovviamente parliamo del periodo dello svezzamento, ora la mangia pura o con aggiunta di pasta in formato piccino. Ecco gli ingredienti, anche in questo caso un po’ a occhio…

2 finocchi
3/4 carote (un paio in più se sono molto piccole)
1 porro

Stesso procedimento delle altre et voilà! Io la adoro con un filo d’olio e una manciata di semi di zucca on top.

4. CAROTE E ZUCCA

Una vellutata molto dolce e solitamente apprezzata dai più piccoli, è quella con carote e zucca. È una variante della più classica a base di carote e patate, che a me piace molto. Con la ranocchietta però ho sempre evitato di eccedere con le patate perchè non è mai stata molto regolare, quindi ho sperimentato questa alternativa! Gli ingredienti, approssimativi:

250gr di zucca
250gr di carote
1 porro (ma va?)

Nella mia porzione spesso aggiungo una spolverata di curcuma o, se ce l’ho, una grattugiata di zenzero fresco: adoro quel sapore leggermente piccante che regala ai piatti!

5. ZUCCHINE E PISELLI

Ultima e un po’ meno invernale, la vellutata di zucchine e piselli. In realtà, la vellutata di zucchine per me è perfetta già così, senza aggiunte, al massimo prima di frullare aggiungo qualche foglia di basilico. Ma per renderla più cremosa e sostanziosa per la ranocchietta, a volte aggiungo un po’ di piselli. Questa vellutata è molto dolce, potete rinforzarla un po’ aggiungendo direttamente nel piatto un po’ di caprino e, volendo, una macinata di pepe. Ecco come prepararla.

2 zucchine (3 se sono piccole)
1 tazza abbondante di piselli surgelati
mezzo porro (ne basta poco perchè il sapore della vellutata è molto delicato)

Al momento di frullare, potete aggiungere 4/5 foglie di basilico fresco. Con o senza piselli, la vellutata di zucchine è un piatto che mi piace mangiare in ogni stagione, anche e soprattutto in estate lasciandola intiepidire per bene!

Che ne pensate di queste 5 ricette di vellutate per scaldare l’inverno?

Ovviamente tutte queste ricette sono molto basilari, ed ognuna si può arricchire con altre verdure o ingredienti diversi.  Per esempio, a me piace molto aggiungere mezzo bicchiere di lenticchie rosse (quelle decorticate) alla vellutata di zucca e carote: le metto insieme agli altri ingredienti già a inizio cottura e lascio cuocere per i 20 minuti previsti. Le lenticchie regalano ancora più cremosità e sono un’ottima fonte di proteine vegetali!

Se non volete aggiungere pasta o riso ma preferite comunque sentire qualcosa sotto i denti, potete aggiungere i classicissimi crostini di pane!

Se invece le servite in piccole ciotole, saranno perfette come antipasto leggero. In questo caso, saranno ancora più gustose se impreziosite da un paio di gamberi saltati in padella e utilizzati poi come gustosa guarnizione.

Ultimo tip: se vi avanza della vellutata potete ovviamente metterla in freezer utilizzando appositi contenitori o delle banalissime bottigliette da mezzo litro.

Buon appetito!!!

 

Se questo post ti è piaciuto, salvalo su Pinterest!

5 ricette di vellutate per scaldare l'inverno (2)

 

15 thoughts on “5 ricette di vellutate per scaldare l’inverno

  1. Mi piace molto la selezione che ci hai proposto perchè si tratta di ricette con ingredienti facilmente reperibili. Le mie zuppe preferite restano quelle con la zucca!

  2. Interessanti! Io amo quella di patate e funghi porcini e porro. Queste non le ho mai provate.
    Però sinceramente non vedo l’ora che arrivi la primavera 😀

  3. zucchine e piselli non l’ho mai fatta, perchè non amo molto i piselli, ma mi hai incuriosito e voglio provare!! Grazie e andiamoci a scaldare con queste vellutate ottime!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.